Clinica Patologie del Fegato

  1. Le malattie del fegato sono assai frequenti nella popolazione generale dell'Italia e dell'Europa. Dati recenti raccolti dal Fondo per lo Studio delle Malattie del Fegato (Progetto Dionysos) indicano come la prevalenza delle malattie di fegato sia superiore al 15% e, in particolare, quella della cirrosi epatica superiore all'1%.
    Estrapolando questi dati alla popolazione generale ne consegue che in Italia esistono più di 550,000 ammalati di cirrosi, e tra questi nel 10% (circa 55,000) si associa un cancro del fegato.
    L'eziologia della malattie di fegato è molteplice quale l'infezione da virus epatotropi (HBV, HCV), l'alcool, le malattie metaboliche ereditarie (emocromatosi in particolare) e altri tossici quali i farmaci. In particolare, l'infezione da virus HCV è presente nella popolazione generale di età superiore a 45 anni in una percentuale superiore al 7%, indicando l'infezione da HCV come una importante causa di malattia.

  2. A Trieste esiste una solida esperienza internazionale nello studio e trattamento delle malattie di fegato. Ciò è in parte dovuto all'esistenza di un gruppo noto in ambito internazionale in questo campo, in parte all'esistenza del Fondo per lo Studio delle Malattie del Fegato (FSF) che investe risorse nello sviluppo della ricerca di tali patologie e della fisiopatologia epatica in generale.
    Il FSF è diventato ONLUS del tutto ed è registrato a livello nazionale come struttura di ricerca scientifica.

  3. Accanto alle competenze scientifiche di ricerca, a Trieste il CCSF sta coordinando importanti progetti regionali e nazionali nell'ambito clinico, quali il trattamento più efficace delle malattie di fegato HCV-correlate, la prevenzione e la diagnosi precoce del carcinoma primitivo del fegato e lo studio dell'incidenza delle malattie di fegato nella popolazione generale (Progetto Dionysos 2). Ciò permette di raccogliere una casistica clinica importante e selezionata su cui eseguire una diagnosi migliore e una prognosi più attendibile.