Olio Extravergine di Oliva e Fegato, PROPRIETÀ ANTIDOLORIFICHE

Pillola Numero 2

Pillola 1
 
Il sapore piccante dell’olio evo è dovuto alla presenza dell’oleocantale, sostanza contenuta principalmente nelle olive e nell’olio Extra Vergine d’oliva (EVO) e si va riducendo con il tempo. La durata dell’olio EVO con caratteristiche organolettiche medie è di 18 mesi. L’oleocantale è la molecola responsabile del “bruciore in gola”, o per meglio dire di quella sensazione piccantina che avvertiamo quando ingeriamo olio EVO.
L'importanza e peculiarità dell'oleocantale sta nel possedere caratteristiche antiossidanti e antinfiammatorie. La sua azione antinfiammatoria sull'organismo è molto simile all'ibuprofene, uno degli antinfiammatori non steroidei più assunti.
Gli antinfiammatori non steroidei (FANS) come l'acido acetilsalicilico, il paracetamolo e l'ibuprofene, si differenziano dagli steroidei per il fatto che possiedono un numero nettamente inferiore di effetti indesiderati e per il fatto che il loro effetto analgesico non appartiene alla classe dei narcotici.
La scoperta dell'oleocantale è da attribuire al Dottor Gary Beauchamp, scienziato e biologo che lavora presso il Monell Chemical Sense Center di Filadelfia, in un laboratorio organolettico, ovvero dedicato principalmente alla prova di sostanze e alla quantificazione delle loro caratteristiche sensoriali.
Gary, durante un congresso di nutrizione molecolare in Sicilia, è stato invitato ad assaggiare oli di oliva extravergine in un frantoio. Provando l’olio extravergine di oliva, ha trovato familiare il pizzicore lasciato dall'olio sulla gola. Gary stava lavorando sul gusto di varie soluzioni di ibuprofene liquido, e il prurito dell'olio gli ricordava appunto l'ibuprofene.
Uno stile di vita salutare può prevenire l’insorgenza di molteplici malattie.
Ippocrate (circa 460 a.C.) sosteneva che la medicina non deve curare, ma evitare i mali evitabili. Un concetto alquanto attuale e sviluppato dalla medicina preventiva.
"Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo" per farlo è fondamentale essere informati e consapevoli. E' un lavoro di ricerca, di analisi e di responsabilità, un lavoro che deve essere portato avanti da un team multidisciplinare dove ognuno porta la sua esperienza e la condivide in un’ottica di approfondimento e di crescita, in modo che le informazioni siano chiare ed accessibili a tutti.
 
Elena Parovel –Parovel vigneti oliveti 1898
Natalia Rosso e Claudio Tiribelli – Fondazione Italiana Fegato ONLUS
Deborah Bonazza – ASUGI
 

 

Torna indietro